sabato 7 aprile 2012

La fine triste di un capo volgare

Bossi è uscito di scena nella maniera più ignobile: accusato di aversi intascato soldi del partito, lui che per tutta la sua vita ha sbraitato rabbiosamente contro Roma ladrona. Il ladro era lui.
Non facciamoci troppe illusioni. Il retroterra di ignoranza e qualunquismo sopravviverà alla morte politica del rozzo padano che ha sdoganato la volgarità.
Mentre abbandona il palcoscenico per tornare alle sagre paesane nella quali non mancherà di sentirsi a casa propria, lo salutiamo idealmente nell'unico linguaggio che è in grado di comprendere.

E 

2 commenti:

  1. Anche Diliberto è spesso volgare.

    RispondiElimina
  2. Ritengo che sia una tremenda offesa paragonare il segretario Diliberto a quell'ignobile personaggio.

    RispondiElimina

Aspettando il quattro marzo/2

Da spettatore non sempre attento ho l'impressione che questa campagna elettorale veda una strana e trasversale polarizzazione: poche per...