venerdì 4 maggio 2012

Tutti al mare

Decisamente gustoso vedere politici navigati impegnati a sostenere la causa dei referendum per ridurre il numero dei consiglieri regionali e abrogare le provincie che essi stessi hanno voluto. Credo che sia decisamente un brutto segno. Ovvio che chi vuole dimezzare il consiglio regionale ha già fatto i suoi conti: pensa di rientrarci e investe risorse nell'antipolitica. A chi giova la riduzione degli spazi di rappresentanza? Non si risparmia sulla democrazia. Rimango stupito nel vedere tante persone, non so quanto in buona fede, reclamare a gran voce che vengano eliminate le istituzioni che sono più vicine ai cittadini, come le province.
Domenica prossima sospenderemo il nostro engagement e andremo al mare.

Nessun commento:

Posta un commento

Aspettando il quattro marzo/2

Da spettatore non sempre attento ho l'impressione che questa campagna elettorale veda una strana e trasversale polarizzazione: poche per...